Loading...
HOME / CRONACA / NOTIZIA SHOCK! La Provincia INVIA E-mail Ai Cittadini.. DOVETE PORTARE I REGALI AI PROFUGHI.. MA STIAMO SCHERZANDO?

NOTIZIA SHOCK! La Provincia INVIA E-mail Ai Cittadini.. DOVETE PORTARE I REGALI AI PROFUGHI.. MA STIAMO SCHERZANDO?

loading...

NOTIZIA SHOCK! La Provincia INVIA E-mail Ai Cittadini.. DOVETE PORTARE I REGALI AI PROFUGHI.. MA STIAMO SCHERZANDO?

Stoviglie, elettrodomestici, lettini, passeggini e fasciatoi per i bambini (che tra l’altro non esistono, ma questa è un’altra storia), ma anche biancheria per la camera e il bagno. Tutto quanto può essere utile per arredare una casa.

Per i poveri del posto vi state chiedendo? Ma no, per i fancazzisti africani raccattati quotidianamente in Libia e poi sparpagliati a dovere su tutto il territorio nazionale.

L’appello demenziale a mettere a disposizione materiale in buono stato arriva direttamente dalla Provincia, inviato via mail ai suoi 4400 dipendenti: «È parso opportuno in presenza di risorse limitate e in una logica di riuso di beni non più utilizzati, chiedere la vostra collaborazione nel mettere a disposizione materiale, pulito e in buono stato, (stoviglie, pentolame, biancheria per la cucina, per la camera e per il bagno, elettrodomestici tipo forno a microonde, lavatrice, piccoli elettrodomestici, culla/lettino, passeggino, fasciatoio, ecc.), che possa risultare utile al fine della prima e seconda accoglienza».
Una novità nell’approccio fin qui adottato dall’ente pubblico. Chi ha del materiale da donare, potrà rivolgersi a una funzionaria incaricata. L’obiettivo è creare un database, non un magazzino, dove si possa attingere di fronte di un’esigenza, che si tratti di piatti, piumoni o carrozzine dismesse. Per ogni profugo ospitato in Trentino lo Stato versa alla Provincia 33 euro (più Iva) al giorno. Calcolando i circa 1500 attuali richiedenti asilo, si tratta di circa 49 mila euro al giorno, 18 milioni in un anno.

Questo solo a Trento. Presto invieranno mail con le quali chiederanno ai dipendenti di mettere a disposizione mogli e figlie, naturalmente ‘usate’, ma in ‘buono stato’. Non possiamo non

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI.

Altro Mattia

Loading...

Guarda Anche

STATO INFAME: COSI’ IL FISCO FOTTE I NOSTRI GIOVANI COSTRETTI A LAVORARE ALL’ESTERO

STATO INFAME: COSI’ IL FISCO FOTTE I NOSTRI GIOVANI COSTRETTI A LAVORARE ALL’ESTERO “Sono decine …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *